Comprare un immobile all’asta

Una domanda che tutti ci siamo posti almeno una volta nella vita. Le case messe in asta giudiziaria sono immobili il cui proprietario non riesce più a pagare i propri debiti e si trova costretto vendere per accontentare i creditori. Considerato che si tratta di casi che spesso vanno avanti per molti anni, la procedura per l’acquisto di queste abitazioni può rivelarsi meno agevole. Per sapere se ci sono delle case all’asta è possibile controllare sul sito o nella bacheca fisica del relativo tribunale di competenza la presenza di immobili in vendita. Per gli immobili viene messa a disposizione tutta la documentazione con la perizia di stima e le caratteristiche dell’abitazione: dati catastali, planimetrie, eventuali vincoli e presenza o meno di un occupante. Con 45 giorni d’anticipo vengono comunicati la data e il luogo dell’asta, che avranno un prezzo di partenza, la cosiddetta ‘base d’asta’. Un custode giudiziario viene delegato a gestire gli immobili pignorati, facendoli anche visitare eventualmente agli acquirenti. Le aste sono di due tipi, con incanto e senza. Nel primo caso si tratta di aste pubbliche, mentre la seconda è a busta chiusa. Per partecipare basta presentare un’offerta, di solito contenente una cauzione del 10% e i documenti richiesti. Se è con incanto bisogna presentare la cauzione, i documenti e una dichiarazione con cui si dice che si parteciperà all’asta. Ovviamente in questo tipo di aste si va ai rilanci in caso di molteplici offerte. Il primo vantaggio di acquistare una casa all’asta è ovviamente il risparmio economico, almeno del 15%. L’acquisto è sicuro in quanto tutte le verifiche di sorta vengono fatte da un perito giudiziario e i documenti sono a disposizione delle persone interessate. Per le abitazioni acquistate all’asta non ci sono provvigioni da versare, né spese notarili e molto spesso ci sono anche dei finanziamenti proprio per le aste immobiliari. Tra tanti vantaggi però ci sono anche dei contro. Se si è alle prime armi questo tipo di procedura potrebbe risultare difficoltoso. Di solito è consigliabile farsi assistere da un legale.

 PROBLEMI DI CONDOMINIO? L’ARPE LI RISOLVE CON SOLI 8 EURO AL MESE. CONSULENZE TECNICHE-LEGALI-FISCALI GRATUITE PER TUTTO L’ANNO

 

 

Altri Articoli