Inasprimento delle sanzioni per chi svolge abusivamente la mediazione immobiliare

Sarà questo l’effetto delle modifiche normative – la cui entrata in vigore è fissata per il prossimo 15 febbraio – che, con un deciso giro di vite, puntano ad arginare l’abusivismo tra gli operatori del real estate, funzionando da deterrente per chi esercita la professione di agente immobiliare senza essere in possesso dell’abilitazione, secondo quanto riporta “Il Sole 24 Ore”. Il tema è particolarmente rilevante per il settore immobiliare, vista l’ampia diffusione del fenomeno dell’abusivismo. Secondo le stime rese note dal centro studi Fiaip, infatti, il totale delle provvigioni percepite indebitamente dagli agenti “irregolari”, ogni anno, sarebbe pari a 750 milioni di euro. Le nuove norme – introdotte dalla legge numero 3 dell’11 gennaio 2018 (che si occupa principalmente di riordino delle professioni sanitarie), pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 gennaio scorso – modificano il regime sanzionatorio per gli “abusivi” in due modi: facendo scattare il regime penale (previsto dall’articolo 348 del Codice Penale), già a partire dalla seconda infrazione per esercizio abusivo della professione (e non alla terza, come accade adesso) e incrementando le stesse sanzioni previste per gli abusivi (attraverso la modifica del suddetto articolo).

 SOLO CASACONSUM PROTEGGE LA TUA SPESA E LA TUA FAMIGLIA

 

 

 

Altri Articoli