l’Ipes consegna sei nuovi alloggi in alto adige

L’assessora per l’Edilizia abitativa Waltraud Deeg e il presidente dell’Ipes Heiner Schweigkofler, assieme alla sindaca di Ultimo, Beatrix Mairhofer, hanno consegnato gli appartamenti ai nuovi inquilini. Per l’Ipes erano presenti tra gli altri il vicepresidente Primo Schönsberg, il direttore tecnico Gianfranco Minotti, le direttrici Barbara Tschenett (ripartizione alloggi e inquilinato) e Astrid Rufinatscha (Centro Servizi all’Inquilinato di Merano). L’edificio, per cui è stato utilizzato il legno di larice caratteristico della Val d’Ultimo, coniuga estetica e funzionalità. La sindaca di Ultimo ha sottolineato quanto importante sia la presenza delle case Ipes nel suo Comune: “A causa dell’isolamento della vallata i posti di lavoro si riducono progressivamente, ma la disponibilità delle case Ipes significa per la Val d’Ultimo ricevere un impulso vitale”. I due edifici si compongono di sei appartamenti in totale e sono collegati da un corpo centrale che ospita il vano scale e l’ascensore. Nel piano inferiore si trovano i garage e la sottostazione del teleriscaldamento. Attualmente nel Comune di Ultimo l’Istituto per l’edilizia sociale dispone di 35 appartamenti, compresi quelli consegnati ora.

 PORTIERCASSA: PORTIERI E PROPRIETARI UN’UNICA DIFESA, UN NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO CHE TUTELA LAVORATORI E DATORI DI LAVORO

 

Altri Articoli