milano, la Ue finanzia lo sviluppo del canone concordato

Apertura di sportelli per i cittadini, erogazione dei fondi regionali e comunali di sostegno all’affitto, incentivi e politiche che promuovano soluzioni, con particolare attenzione al canone concordato, coordinati in chiave metropolitana: per favorire lo scambio tra Milano e la Città metropolitana sulle politiche abitative nasce il secondo nodo del Milanese, come previsto dalle linee di indirizzo valide per la sottoscrizione di accordi con Comuni dell’hinterland nell’ambito di Pon Metro, il Programma europeo che finanzia progetti rivolti allo sviluppo urbano sostenibile delle città metropolitane. Spiega Gabriele Rabaiotti, assessore ai Lavori pubblici e alla Casa: “Accanto alla crescita del canone concordato all’interno della città, si rafforza la rete tra Milano Abitare e le agenzie per la casa presenti nella prima cintura metropolitana milanese. Grazie al finanziamento Pon Metro, che concorre a promuovere i servizi per il canone concordato capaci di facilitare l’accesso alla casa, anche molti Comuni dell’hinterland sono oggi collegati con Milano, e si aggiungono come ulteriori nodi di un sistema che, guardando anche fuori dalla città, risulterà più efficace. Le politiche della casa ci insegnano infatti che non c’è sempre corrispondenza tra i luoghi della domanda e quelli dell’offerta”.

 DUBBI SULLE NUOVE RENDITE CATASTALI? RIVOLGITI ALL’ARPE: UN COMMERCIALISTA A TUA DISPOSIZIONE. E’ SUFFICIENTE ESSERE ISCRITTI

 

Altri Articoli