MILANO, va a buon fine SOLO UNA DOMANDA SU TRE per le case popolari

Su tre domande per un alloggio popolare, solo una va a buon fine. Sono infatti 440 su 1.226 (il 35,9%) le domande sottoposte a verifica che si sono concluse con un’assegnazione nella 19esima graduatoria, chiusa a fine del 2016. I restanti due terzi delle richieste finiscono a vuoto per mancanza dei requisiti (390 su 1.226, il 31,8%) e per insussistenza delle condizioni (396 su 1.226, il 32,3%), ossia per domande compilate in modo non corretto. E’ questo uno dei dati piu’ rilevanti che e’ emerso dalla seduta della Commissione Casa, Lavori Pubblici e Edilizia Residenziale Pubblica. “In termini di dati generali – ha detto Mauro Cigognini, dell’Area Assegnazione Alloggi ERP – questa suddivisione in tre parti pressoche’ identiche e’ sempre stato riscontrato negli ultimi anni”. La seduta di Commissione e’ servita anche per fare luce sul nuovo Regolamento Regionale (RR 4/2017), gia’ in vigore dall’8 febbraio 2018, ma che sara’ implementato definitivamente nel 2019. Tra le novita’ la possibilita’ per il concorrente di scegliere l’alloggio.

 PORTIERCASSA: PORTIERI E PROPRIETARI UN’UNICA DIFESA. UN NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO CHE TUTELA LAVORATORI E DATORI DI LAVORO

 

 

Altri Articoli