Ostia, assolta la famiglia Salabè per presunti abusi allo stabilimento “La Casetta”

Assoluzione in tribunale per l’architetto Luigi Salabe’, 62 anni, e la madre Anna Maria Ancilli, di 88. La coppia era finita sotto processo a Roma per presunti abusi edilizi compiuti negli anni passati nell’area demaniale riconducibile allo stabilimento balneare ‘La Casetta’ di Ostia. Il giudice monocratico Roberta Di Gioia ha cosi’ recepito le argomentazioni degli avvocati Nicola Madia e Antonio Rucco che hanno commentato: “Siamo soddisfatti della sentenza, peccato che dall’avvio di questo procedimento lo stabilimento sia stato chiuso, oltre 20 dipendenti siano stati mandati a casa e le strutture stiano andando in rovina”. L’intera struttura, che si affacciava sulla costa di levante, in lungomare Amerigo Vespucci, era stata in passato sottoposta a sequestro preventivo.

 CONTRATTO COLLETTIVO COLF E BADANTI: CHIEDI CONSIGLIO A EBILCOBA, SOTTOSCRIVI IL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO INSERENDO IL CODICE E1 NEI VERSAMENTI INPS

Altri Articoli