Immobili commerciali: boom di acquisti dall’estero

Il mercato italiano degli immobili commerciali, siano essi uffici, negozi, hotel, capannoni o residenze sanitarie, è stato travolto dalle lusinghe degli investitori internazionali, per nulla spaventati dall’incertezza sul futuro politico della Penisola. E così — scrive Italia Oggi — in molti hanno deciso di scommettere sulla forza dell’economia targata Italia concludendo operazioni record di compravendita di immobili e spingendo, nel 2017, i volumi transati sul valore più alto mai registrato, arrivando a toccare gli 11,1 miliardi di euro con una crescita del 25% rispetto a un anno prima. «La presenza di capitali stranieri è diventata una caratteristica strutturale del mercato immobiliare italiano: anche lo scorso anno, il 70% del volume transato ha interessato capitali d’oltreconfine», ha spiegato Cristiana Zanzottera, responsabile dell’Ufficio Studi di Bnp Paribas Real Estate Italia. E questo, nonostante la carenza strutturale di prodotto immobiliare di alto livello sul mercato di casa nostra, il più richiesto dagli investitori internazionali. Ma quali sono stati i comparti più dinamici, e quali le aree della Penisola più interessate da questo flusso straordinario di capitali che ha investito il mercato del mattone? Secondo l’analisi di Bnp Paribas, gli uffici hanno continuato a dominare la scena con circa 4 miliardi di euro di investimenti (il 35% del totale). Segue il segmento degli spazi commerciali, su cui sono confluiti circa 2,5 miliardi di euro (22% del totale), mentre il comparto alberghiero ha chiuso l’anno con transazioni per 1,1 miliardi di euro corrispondenti a un incremento di oltre il 50% se confrontato con il 2016. Altrettanto positiva la logistica, sospinta dalla crescita senza sosta dell’e-commerce. Il volume degli investimenti in capannoni ha registrato lo scorso anno ben 1,2 miliardi di euro (in crescita del 75% rispetto al 2016), metà dei quali concentrati in un’unica operazione, la più importante registrata nel 2017 all’interno dello Stivale.

PROBLEMI DI CONDOMINIO? L’ARPE LI RISOLVE CON SOLI 8 EURO AL MESE. CONSULENZE TECNICHE-LEGALI-FISCALI GRATUITE PER TUTTO L’ANNO

 

 

Altri Articoli