Locazione 

RINNOVO TACITO DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE AGEVOLATI

Scaduta la proroga biennale, nell’inerzia delle parti, i contratti di locazione agevolati si rinnovano ogni volta tacitamente per un ulteriore biennio. Lo ha stabilito il Tribunale di Torino con sentenza del 7 dicembre 2020, n. 4349 (a disposizione dei soci), così massimata: In tema di locazione abitativa a canone agevolato (o concordato), al termine della proroga biennale – prevista “di diritto” per il caso in cui le parti, alla prima scadenza del contratto, non concordino sul rinnovo del medesimo – ove manchi la comunicazione di disdetta, da effettuarsi a cura…

Leggi
Locazione 

TASSAZIONE DEI REDDITI PER CANONI DI LOCAZIONE NON PERCEPITI

Alfred Bianco – Esperto tributario Con una recente sentenza – che il c.d. uomo della strada farà fatica (condivisibilmente) a comprendere – la Sezione tributaria della Corte di Cassazione, peraltro sulla stessa lunghezza d’onda dei suoi precedenti, ha ribadito che risultano soggetti a tassazione, sia pure con i doverosi distinguo, i redditi derivanti dal rapporto di locazione anche se il locatore non ha percepito dal conduttore i relativi canoni. La causa, decisa in sede di legittimità dalla sentenza n. 348 del 9 gennaio 2019, originava da un ricorso proposto da…

Leggi
Locazione 

LE AGEVOLAZIONI FISCALI NEI CONTRATTI A CANONE CONCORDATO

I proprietari che utilizzano i contratti di locazione a canone concordato possono beneficiare delle seguenti detrazioni fiscali: Riduzione della base imponibile Irpef –Il reddito imponibile del proprietario, gia’ ridotto della percentuale forfetaria del 5%, viene ulteriormente ridotto del 30%; Riduzione della base imponibile per l’imposta di registro -Per i contratti di locazione a canone concordato è prevista una riduzione del 30% della base imponibile sulla quale calcolare l’imposta di registro. Riduzione aliquota cedolare secca – In caso di opzione per la tassazione con cedolare secca l’aliquota di tassazione applicabile sul 100% del canone…

Leggi
Locazione 

In caso di immobili locati a fini commerciali, i canoni di locazione non percepiti devono comunque essere dichiarati e tassati

La Corte di Cassazione ha chiarito i criteri di tassazione dei canoni di locazione, per un immobile non adibito ad abitazione, laddove non riscossi. La Commissione Tributaria Provinciale aveva rigettato il ricorso del contribuente avverso un avviso di accertamento per Irpef 2008. Contro tale decisione il contribuente aveva proposto appello e il giudice di secondo grado lo aveva accolto, ritenendo che l’Irpef non fosse dovuta in relazione ai canoni non riscossi. L’Agenzia delle Entrate aveva quindi proposto ricorso per Cassazione e I giudici evidenziano che il reddito degli immobili locati…

Leggi
Locazione 

IL PROPRIETARIO PUO’ OPTARE PER LA CEDOLARE SECCA ANCHE SE IL CONDUTTORE E’ UNA SOCIETA’.

La Commissione tributaria regionale del Lazio, sez X, con la sentenza pubblicata l’11 marzo 2021 n. 1425 ha stabilito che la facoltà di effettuare la scelta per il regime agevolato spetta alla persona fisica che è proprietaria o titolare di altro diritto reale sull’immobile locato. Quindi qualora il locatore non eserciti attività d’impresa ed il contratto di locazione sia stato stipulato realmente per uso abitativo, anche nell’ipotesi che il conduttore sia una società , è possibile applicare l’imposizione della cedolare secca.

Leggi