Attualità 

BONUS EDILIZI: LA NUOVA FRONTIERA DEI REATI DI EVASIONE FISCALE

di Leonardo Lastei* E’ dello scorso dicembre la notizia, dettagliatamente riportata sugli organi di stampa (si veda il Sole 24 Ore di lunedì 10 gennaio 2022) di un maxi sequestro per 1,2 miliardi di euro operato dal Nucleo di polizia economico­ finanziaria di Roma, che, su mandato dei pm capitolini, ha fatto emergere una anomala circolarità di fatture false per lavori edili mai effettivamente svolti. Il meccanismo della truffa prevedeva che, mediante una serie di operazioni fittizie orchestrate sin dall’inizio e in modo pianificato, si comunicavano all’Agenzia delle Entrate crediti…

Leggi
Attualità 

SuperEcobonus 110%: modifica e correzione delle asseverazioni trasmesse attraverso il Portale Enea

All’interno del “Pacchetto per il clima e l’energia 2020”, la Commissione Europea ha spinto gli Stati membri ad aumentare e accelerare la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente per contribuire all’attuazione del processo di decarbonizzazione e, al contempo, fornire un notevole impulso all’economia, colpita dalla pandemia di Covid 19. In tale contesto, il Governo italiano, tra le altre misure, ha varato il DL 34/2020 cd “Rilancio”, che comprende anche le agevolazioni del Superbonus 110%. Tra i vari adempimenti necessari per accedere all’incentivo fiscale, ai sensi del comma 13, lettera a)…

Leggi
Attualità 

L’amministratore di condominio e i contributi obbligatori INPS

Gestione separata previdenziale La Gestione Separata è un fondo pensionistico finanziato con i contributi previdenziali obbligatori dei lavoratori assicurati e nasce con riforma del sistema pensionistico, anche nota come riforma Dini. La legge di riforma del sistema pensionistico (legge n. 335 del 8 agosto 1995) ha previsto, a decorrere dal 1° gennaio 1996, l’estensione dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti ad alcune categorie di lavoratori autonomi la cui attività non è coperta da assicurazione previdenziale. Sono interessati al versamento del contributo Inps chi ha redditi derivanti da…

Leggi
Attualità 

AMMINISTRATORE CON PARTITA IVA

Regime forfettario Giorgio Caputo*   I soggetti che intendono beneficiare del regime agevolato di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89 della Legge n. 190/2014, il così detto “Regime Forfettario” devono soddisfare contemporaneamente le seguenti condizioni:   Aver conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a 65.000 euro e nell’ipotesi in cui si esercitano più attività, contraddistinte da codici Ateco differenti, occorre considerare la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate;   Aver sostenuto spese per un importo complessivo non superiore a…

Leggi
Attualità 

AMMINISTRATORE CON PARTITA IVA

Regime forfettario   I soggetti che intendono beneficiare del regime agevolato di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89 della Legge n. 190/2014, il così detto “Regime Forfettario” devono soddisfare contemporaneamente le seguenti condizioni:   Aver conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a 65.000 euro e nell’ipotesi in cui si esercitano più attività, contraddistinte da codici Ateco differenti, occorre considerare la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate;   Aver sostenuto spese per un importo complessivo non superiore a 20.000 euro…

Leggi
Attualità 

SuperEcobonus 110%: facciamo il punto

A partire dallo scorso anno, il quadro di detrazioni fiscali finalizzate al recupero del patrimonio edilizio esistente e alla riqualificazione energetica degli edifici si è ampliato grazie al Superbonus del 110%. Con l’aggiunta di questa forma incentivante, ad oggi Enea si occupa complessivamente dei seguenti meccanismi di agevolazione fiscale: Bonus Casa (per gli interventi che comportano risparmio e/o utilizzo di fonti energetiche rinnovabili), Ecobonus, Bonus Facciate (per gli interventi influenti dal punto di vista termico) e SuperEcobonus. Il Superbonus è stato introdotto con il Decreto legge “Rilancio” n. 34 del…

Leggi
Attualità 

Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia.

Il provvedimento, riunisce e coordina in un Testo Unico tutte le disposizioni legislative e regolamentari, a loro volta riportate rispettivamente nel D.P.R. 378/2001 (Testo B – disposizioni legislative) e nel D.P.R. 379/2001 (Testo C – disposizioni regolamentari), emanate in materia di edilizia. Il testo suddetto è stato ulteriormente coordinato con successive modificazioni. Il provvedimento raccoglie sia i provvedimenti che riguardano l’attività edilizia che la normativa tecnica per l’edilizia, abrogando espressamente una lunga serie di norme previgenti. Molti altri provvedimenti sono invece espressamente confermati, e pertanto il provvedimento in esame non…

Leggi
Attualità 

Come funziona il nuovo mutuo

Il governo Draghi sta pensando di dare una scossa al mercato immobiliare favorendo i  più giovani che, spesso, non sono incentivati a investire sul mattone. Dovrebbero essere previsti mutui al 100% garantiti dallo Stato per gli under 35. Un aiuto concreto per questa fascia d’età; per comprare casa non si andrà incontro a un salasso, poiché si pagherebbero solamente gli onorari del notaio e gli eventuali costi riguardanti l’agenzia di intermediazione.

Leggi
Attualità 

MODELLO EAS

Il modello deve essere presentato all’Agenzia delle Entrate in via telematica entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono intervenute variazioni mentre, per i soggetti appena costituiti, il modello deve essere presentato entro 60 giorni. Gli enti associativi che non provvedono ad inviare il Modello EAS non potranno godere delle agevolazioni fiscali relative alla detassazione di quote e contributi associativi. Nel caso di mancato invio del Modello nei termini ordinari i soggetti interessati possono adire alla procedura della “remissione in bonis” con la possibilità di poter fruire fin dalla data di costituzione dei benefici fiscali…

Leggi
Attualità 

Mutui casa, cresce la domanda

Dobbiamo registrare un lieve aumento  dei tassi fissi per i mutui prima casa. Nel mese di febbraio sono saliti all’1,65 per cento con un incremento dell’0,4% rispetto al mese precedente. Questo non ha peò determinato un decremento nell’erogazione da parte delle banche. Lo rende noto Bankitalia nella pubblicazione mensile “Banche e moneta”, che spiega come i prestiti alle famiglie siano aumentati del 2,4% sui dodici mesi (2,2% in gennaio), mentre quelli alle società non finanziarie sono aumentati del 7,6% (7,3% nel mese precedente)

Leggi