Firenze la città più cara, Campobasso e Catanzaro le più economiche

I prezzi delle case in Italia sono ancora in una fase di stallo — riporta il sito Investireoggi.it — dopo la lunga crisi che ha coinvolto il mercato immobiliare causando una discesa dei prezzi molto importante rispetto a 10 anni fa. La risalita dei prezzi però potrebbe essere dietro l’angolo, anche se al momento si tratta di supposizioni. Secondo gli ultimi dati forniti dall’Osservatorio di Immobiliare.it, il prezzo medio delle case in Italia si è attesta sui 1.879 euro al metro quadro ma ovviamente tutto dipende dalle città. Mentre al Centro e al Nord la fase di stallo sembra confermarsi tale, al Sud, guardando ai dati dei primi sei mesi dell’anno, i prezzi delle case sono scesi a 1.552 euro/mq contro i 2.234 euro al metro quadro del Centro e i 1.926 euro/mq del Nord. Ma quali sono le città più care in assoluto? Firenze, con 3.810 euro al metro quadro, si conferma la città dove acquistare casa costa di più, complice anche l’aumento semestrale del 2,8%. Subito dopo c’è Milano con 3.466 euro/mq e una crescita pari al 4,3%. A Milano quindi i prezzi sono saliti di più ma il capoluogo toscano rimane in testa per i costi maggiori. Subito dopo Firenze e Milano troviamo Roma tra le città più care per l’acquisto di una casa, con 3.148 euro/mq e un calo di circa il 2%. A Napoli e Venezia i prezzi al metro quadro si attestano su 2632 e 2946 al metro quadro. Sempre nei primi sei mesi dell’anno altre città che hanno visto crescere i prezzi medi sono state Cagliari e Bologna, anche se nel caso del capoluogo emiliano la crescita sembra aver subito una battuta di arresto; ad oggi i prezzi si aggirano sui 2.786 euro al metro quadro.Dati positivi anche per Torino, Trieste e Campobasso mentre cali più decisi si sono visti a Palermo,  L’Aquila, Bari e Aosta. Ad oggi acquistare casa è ancora economico in città come Campobasso e Catanzaro dove un immobile costa mediamente 1.000 al metro quadro.

 DUBBI SULLE NUOVE RENDITE CATASTALI? RIVOLGITI ALL’ARPE: UN COMMERCIALISTA A TUA DISPOSIZIONE. E’ SUFFICIENTE ESSERE ISCRITTI

 

Altri Articoli