Attualità 

Bonus facciata: non sempre spetta a chi ha il cortile

Il Bonus Facciata nasce per rendere esteticamente più belli gli edifici, migliorando il decoro urbano. Fatta questa premessa — spiega il sito Investireoggi.it — resta il dubbio per gli stabili dotati di cortile interno. A rispondere a questo quesito è stata direttamente l’Agenzia delle Entrate, in risposta ad interpello n.296/2020. Nel caso specifico un proprietario chiedeva informazioni sul diritto al bonus per lavori di rifacimento delle facciate del fabbricato, alcune delle quali visibili dalla strada e altre esposte su un cortile privato. La risposta dell’Agenzia precisa che spetta il Bonus Facciate per interventi inerenti all’involucro “esterno visibile dell’edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell’edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno)”, includendo tutti gli elementi della “struttura opaca verticale”. La detrazione non spetterebbe, al contrario, per gli interventi sulle facciate interne del condominio. Unica eccezione appunto quelle visibili dalla strada o da suolo a uso pubblico. In conclusione l’Agenzia delle Entrate ha interpretato la normativa in questo senso: per le facciate interne il bonus può essere riconosciuto per interventi di rifacimento ma solo se, almeno parzialmente, la parete è visibile da strada pubblica. Altrimenti sarebbe come riconoscere la detrazione del 90% per un lavoro che non contribuisce ad arricchire il decoro urbano ma di cui godono solo i privati che vi risiedono.

 PROBLEMI DI CONDOMINIO? L’ARPE LI RISOLVE CON SOLI 8 EURO AL MESE. CONSULENZE TECNICHE-LEGALI-FISCALI GRATUITE PER TUTTO L’ANNO

 

 

Articoli Correlati

Leave a Comment