Attualità 

Comprare all’asta: il vademecum di immobiliare.it per non sbagliare

Secondo un recente studio di Sogeea, in Italia oggi ci sono quasi 24mila immobili in vendita all’asta (pari a un +25% sull’anno precedente). Per chi le acquista, una tipologia di acquisto che può far risparmiare oltre il 30% sul prezzo medio di mercato. Ma può anche riservare “tranelli”. Immobiliare.it ha messo in fila un vademecum di 7 punti da seguire per un approccio “corretto” all’acquisto, vademecum che pubblica Il Sole 24 Ore.

Confrontare sempre i prezzi
Innanzitutto, leggere con attenzione tutti i dettagli dell’annuncio, visionare le foto e fare più confronti possibili con altri immobili di pari caratteristiche e nella stessa zona, ma in vendita sul libero mercato. Il primo passo è sempre quello di confrontare il prezzo con quello degli annunci tradizionali. Servirà per rendersi conto dell’entità del risparmio che, in alcuni casi – secondo gli operatori – può superare il 40 per cento.

Tutti possono partecipare alle aste immobiliari in modo autonomo, ma bisogna mettere in conto un importante impegno tra pratiche e burocrazia da seguire. Non servono particolari competenze o requisiti ma per le aste telematiche, ad esempio, è essenziale avere un indirizzo Pec per partecipare. In alternativa, è possibile rivolgersi a un consulente.

Reperire tutta la documentazione
Negli annunci all’asta la documentazione è solitamente molto completa, soprattutto grazie alla presenza della perizia, che contiene una minuziosa valutazione dell’immobile e di tutte le sue caratteristiche. Si potranno, quindi, consultare la planimetria, visionare i dati catastali, constatare le condizioni di fatto e lo stato di manutenzione, verificare che non ci siano iscrizioni pregiudizievoli, abusi edilizi o debiti verso il condominio.

Chiedere il mutuo
Anche per un acquisto all’asta è possibile richiedere un mutuo. In questo caso la banca produce una pre-delibera sulla cifra massima che è disposta a finanziare, che può arrivare a coprire anche il 100% del prezzo di aggiudicazione. Questo garantisce di arrivare all’asta con la garanzia di poter sostenere la spesa.

 CONTRATTO COLLETTIVO COLF E BADANTI: CHIEDI CONSIGLIO A EBILCOBA, SOTTOSCRIVI IL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO INSERENDO IL CODICE E1 NEI VERSAMENTI INPS

Articoli Correlati

Leave a Comment