Attualità 

Superbonus: l’intervento più richiesto dai condomìni è l’isolamento termico dell’involucro (cappotto)

Nonostante le difficoltà burocratiche, il Superbonus al 110% prende piede. Le banche cominciano a produrre elenchi standard circa i documenti richiesti per acquisire il credito d’imposta derivante dai lavori (una delle opzioni delle normativa — scrive Il Sole 24 Ore — oltre alla consueta detrazione Irpef) e si stanno muovendo anche i big della consulenza, come Deloitte e Pwc, pronti ad assistere istituti di credito e amministratori di condominio per portare a termine le procedure senza intoppi. Un report elaborato da Gabetti Lab mette in luce la bontà degli interventi di riqualificazione energetica, sia come abbattimento delle emissioni e dei consumi, sia a livello di convenienza economica. Gabetti Lab ha passato ai raggi X un campione di 59 condomini (per un totale di 1.277 unità abitative) che hanno contrattualizzato interventi di efficientamento energetico tra il 2019 e il 2020, alcuni dei quali conclusi, altri ancora in fase di elaborazione. Considerando tutto il campione, l’importo totale dei lavori è di 42,6 milioni di euro, che si traduce in circa 722mila euro per stabile. A farla da padrone — continua Il Sole 24 Ore — è l’isolamento termico dell’involucro (cappotto) che interessa il 95% dei casi, contro il 5% che prevede la sostituzione del generatore di calore. Lo stock in cui i lavori sono già terminati (17 palazzi per 463 unità) ha permesso di estrapolare i dati sull’impatto ambientale ed energetico. In media, si è verificato un abbattimento del fabbisogno energetico del 43%, un risparmio del 34% come consumi e un taglio del 35% delle emissioni di Co2. Altro dato importante, in media gli interventi hanno comportato un salto di classe energetica (Ape) di 2,6 gradini. Ciò significa che nella maggior parte dei casi, a prescindere dal beneficio fiscale, viene centrato uno dei “paletti” richiesti dal nuovo Ecobonus, ossia il miglioramento di almeno due classi.

 SOLO CASACONSUM PROTEGGE LA TUA SPESA E LA TUA FAMIGLIA

Articoli Correlati

Leave a Comment