Attualità 

Affitti: più facili intese temporanee sulle rinegoziazioni

Gli interventi del governo e la legislazione già esistente hanno allentato le strette maglie delle disposizioni sui contratti per far sì che, tra gli altri, i locatori ed i conduttori di immobili possano più facilmente trovare un’intesa temporanea per far fronte ai crolli di fatturato di questi ultimi e, in ultima analisi, per evitare la chiusura di un gran numero di attività a causa della pandemia. E’ la conclusione a cui giungono allo Studio legale Mascheroni & associati, in una analisi sulla rinegoziazione delle clausole contrattuali in periodo di emergenza sanitaria.Gli sconvolgimenti causati dalla pandemia che hanno travolto il 2020 stanno avendo dei risvolti molto profondi anche nell’ambito della legislazione contrattuale, spiegano gli avvocati Valentina Lombardo e Giampaolo Berni Ferretti. Infatti, a causa del crollo delle vendite e della diminuzione delle attività produttive, sono molte le imprese che si sono trovate a dover chiedere di modificare le clausole dei contratti che le legano ai propri fornitori ed ai propri locatori in modo da poter far fronte all’improvviso cambio di direzione dell’economia.

 PROBLEMI DI CONDOMINIO? L’ARPE LI RISOLVE CON SOLI 8 EURO AL MESE. CONSULENZE TECNICHE-LEGALI-FISCALI GRATUITE PER TUTTO L’ANNO

Articoli Correlati