alloggi popolari: contributi fino a 2.500 euro anche per gli inquilini bresciani

Quasi un milione e 700mila euro per l’Aler di Brescia-Cremona-Mantova , e oltre a questi quasi 1 milione e 200mila destinati ai Comuni della provincia di Brescia: a tanto ammontano i fondi appena stanziati da Regione Lombardia per le case popolari , a sostegno delle famiglie indigenti e bisognose. “Continuiamo ad essere al fianco dei più deboli – ha detto Stefano Bolognini, assessore regionale alle Politiche sociali e abitative – mettendo a disposizione risorse importanti per sostenere le famiglie indigenti o momentaneamente bisognose di sostegno, che vivono negli alloggi di edilizia pubblica”. Lo stanziamento complessivo, a livello di regionale, si attesta a quota 23,7 milioni di euro. La misura e’ indirizzata a due platee di potenziali beneficiari. La prima, che prevede contributi sino a 2.000 euro annui, riguarda i nuclei famigliari indigenti, cioe’ in condizione di poverta’ assoluta e di grave deprivazione materiale, che accedono per la prima volta ai Servizi abitativi pubblici (Sap) e sono in attesa di assegnazione dell’alloggio. La seconda e’ rivolta alle famiglie gia’ assegnatarie di un’abitazione di edilizia pubblica, che si trovano in una condizione di comprovata difficolta’ economica e non riescono a pagare la locazione sociale. In questo caso sono previsti sino a 2.500 euro annui.

 PROBLEMI DI CONDOMINIO? L’ARPE LI RISOLVE CON SOLI 8 EURO AL MESE. CONSULENZE TECNICHE-LEGALI-FISCALI GRATUITE PER TUTTO L’ANNO

 

Altri Articoli