Attualità 

investire nel mattone: gli italiani rivalutano l’acquisto

La delusione per i dieci anni di crisi immobiliare che ha eroso i valori del mattone residenziale lascia oggi spazio a un ritorno di interesse, per la prima casa e per l’investimento. La prima casa oggi si cambia — scrive Il Sole 24 Ore — con una spesa più contenuta visto il calo dei prezzi sul territorio, calo che ha creato occasioni di acquisto. Sul fronte investimento, dopo decenni di disaffezione, si torna a valutare l’acquisto per mettere a reddito l’immobile. Trend incentivati dai bassi tassi di interesse che rendono i mutui sempre più appetibili. «Un tempo l’acquisto della prima casa era la prima scelta di investimento dei giovani, oggi invece anche i genitori non comprano più la casa per i figli – che vogliono viaggiare, studiare e lavorare all’estero – e hanno quindi liquidità da investire – dice Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari – A penalizzare la domanda, poi, è lo stock vecchio di immobili residenziali sul mercato. Per il nuovo, poco ancora, il problema non si pone: le richieste sono elevate». L’investimento, selezionato e rivolto a specifiche location e a immobili di qualità, è reso interessante dai ritorni e dalla possibilità di una minima rivalutazione. Guardando alla tabella elaborata da Scenari Immobiliari per Il Sole 24 Ore si vede che i prezzi in centro a Milano saliranno del 2,8% nel 2020 e del 3,8% nel 2021. Prezzi che oggi si aggirano tra un minimo di 5.200 euro al metro quadrato e 11.450 euro. I valori scendono nel semicentro (3.200-6.150 euro al mq) e si rivaluteranno qui del 2% e del 2,9% quest’anno e nel 2021. Rivalutazioni interessanti (sopra il 2,5%) anche nel centro di Firenze e nel semicentro di Bologna.

 PROBLEMI DI CONDOMINIO? L’ARPE LI RISOLVE CON SOLI 8 EURO AL MESE. CONSULENZE TECNICHE-LEGALI-FISCALI GRATUITE PER TUTTO L’ANNO

 

Articoli Correlati

Leave a Comment

AVVISO

GLI UFFICI DELLA ARPE-FEDERPROPRIETA’ SARANNO CHIUSI PER FERIE DAL 3 AL 24 AGOSTO. Per urgenze di natura legale rivolgersi all’avv. M.Mascarucci, Vicepresidente ARPE, tel.347.2682760. Per emergenze tecniche rivolgersi  al tel. 334.8704286