Attualità 

Niente bonus fiscale sui lavori di abbattimento delle barriere sensoriali nel bagno

La ristrutturazione del bagno può in qualche modo rientrare nel bonus 110% introdotto dal decreto Rilancio? La portata del bonus 110% non va distorta: allo stato dei fatti — spiega il sito Investireoggi.it — occorre che sia fatto un intervento importante di riqualificazione energetica o messa in sicurezza che coinvolga l’intero condominio o prima casa che sia. Pensiamo al cappotto termico. Solo una volta avviato uno di questi lavori, si potrà abbinare un intervento gemellato come, ad esempio, infissi o caldaia a condensazione. Premesso questo, riportiamo uno degli ultimissimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate che riguarda proprio il bagno e, più nello specifico, intervento di insonorizzazione o rifacimento del box doccia. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che non è previsto nessun diritto al bonus fiscale sui lavori di abbattimento delle barriere sensoriali per ridurre i rumori in bagno. Purtroppo quindi chi abita in condominio e sperava di approfittare di questa possibilità per ridurre i disagi dovuti alle pareti sottili dovrà rinunciare alla possibilità di portare in detrazione l’intera spesa. Questi lavori non rientrano infatti negli interventi di manutenzione straordinaria non sono agevolabili ai sensi dell’art. 16 Tuir. Stesso discorso per la manutenzione del box doccia.

 CONTRATTO COLLETTIVO COLF E BADANTI: CHIEDI CONSIGLIO A EBILCOBA, SOTTOSCRIVI IL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO INSERENDO IL CODICE E1 NEI VERSAMENTI INPS

 

Articoli Correlati

Leave a Comment