Dal 2020 addio crisi? Primi aumenti dopo 10 anni

Il 2020 potrebbe essere l’anno della svolta per i prezzi delle case. Dopo 10 anni di crisi, infatti — riporta il sito Investireoggi.it — i prezzi degli immobili potrebbero risollevarsi. Lo svela  il 3°Osservatorio Immobiliare 2019 di Nomisma che ha segnalato una leggera ripresa durante il primo semestre del 2019. Si tratta di una percentuale dello +0,2% ma che fa ben sperare in un cambiamento come riporta il sito mutuionline.it. Come sottolinea il report, a trainare il settore è il mercato creditizio con i tassi di interesse ai minimi storici, fattore che spinge maggiormente le famiglie a chiedere mutui e prestiti. Mediamente , rispetto a 10 anni fa, le compravendite sono cresciute di 16.000 unità ma complessivamente sconta ancora un differenziale negativo di 60.300 unità. A subire un leggero aumento dei prezzi sono state soprattutto le città più importanti. Non solo Milano ma anche Bologna e Padova, dove i dati sembrano descrivere una situazione di recupero mentre, per il secondo anno consecutivo, sono aumentati i costi del canone di locazione a seguito delle richieste sempre maggiori di case in affitto. La domanda di affitti è sempre alta, 50% circa, un’immagine di un paese che appare sempre più mobile rispetto al passato. A crescere anche la domanda di immobili temporanei, soprattutto in alcune città come Venezia, Bologna e Firenze, dove negli ultimi anni sono aumentate molto le richieste di locazioni temporanee con possibili riflessi negativi per gli affitti a lungo termine e il rischio di un innalzamento dei costi. Dal report è emerso poi che anche i tempi di vendita sono diminuiti, circa 6,2 mesi per vendere un’abitazione, contro i 3,4 mesi registrati tra il 2000 e 2009. Anche in questo caso, però, non mancano alcune eccezioni riguardo i tempi di vendita, ad esempio a Milano e Bologna, dove per vendere un’abitazione si impiegano dai 3,9 ai 5 mesi. In sostanza tra le famiglie italiane è tornata a crescere la voglia di acquistare casa, merito anche dei tassi favorevoli che spingono le famiglie a fare il grande passo.

 CONTRATTO COLLETTIVO COLF E BADANTI: CHIEDI CONSIGLIO A EBILCOBA, SOTTOSCRIVI IL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO INSERENDO IL CODICE E1 NEI VERSAMENTI INPS

Articoli Correlati

AVVISO

GLI UFFICI DELLA ARPE-FEDERPROPRIETA’ SARANNO CHIUSI PER FERIE DAL 3 AL 24 AGOSTO. Per urgenze di natura legale rivolgersi all’avv. M.Mascarucci, Vicepresidente ARPE, tel.347.2682760. Per emergenze tecniche rivolgersi  al tel. 334.8704286